Che cos’è lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine e perché si usa

Lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine è un fitofarmaco per il trattamento della tosse e delle malattie catarrali delle vie respiratorie (infezioni delle mucose). La piantaggine ha un’azione antibatterica, tosse sedativa, antinfiammatoria, espettorante e lenitiva ed è quindi a tutti gli effetti una buona scelta per combattere la tosse.

Le malattie da raffreddamento delle vie aeree possono essere trattate con lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine. In caso di disturbi prolungati, dispnea, febbre o espettorato di catarro purulento e/o striato di sangue, si consiglia di consultare un medico.

La piantaggine per il nostro sciroppo contro la tosse la acquistiamo in una fattoria vicina.

A cosa occorre prestare attenzione prima di assumere lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine

Non assumere lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine se siete ipersensibili ai preparati composti da erbe di piantaggine o a uno qualsiasi degli altri ingredienti.

Il farmaco non deve essere assunto se si è affetti da intolleranza al fruttosio rara ed ereditaria, malassorbimento di glucosio-galattosio o carenza di saccarosio-isomaltasi.

A causa di insufficienti esami clinici, si sconsiglia l’assunzione dello sciroppo contro la tosse a base di piantaggine, in gravidanza e durante l’allattamento .

Indicazione per i diabetici: un misurino (15 ml) contiene circa 9,34 grammi di carboidrati, pari a circa 0,77 unità di pane (UP). Ciò deve essere tenuto in considerazione se si segue una dieta diabetica.

Come usare il farmaco

Le seguenti informazioni si applicano solo se diversamente prescritto dal medico.

Gli adulti assumono, se non diversamente prescritto, 4-6 misurini da 15 ml (osservare le tacche di riferimento) distribuiti nel corso della giornata. I bambini assumono 5 ml e i neonati 2,5 ml. Lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine può essere consumato senza essere diluito.

Lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine può essere utilizzato fino alla scomparsa dei sintomi. Tuttavia, se i sintomi peggiorano, consultare immediatamente un medico.

Sinora non si sono riscontrati casi di avvelenamento associati alla piantaggine. Se si assumono dosi troppo elevate di sciroppo contro la tosse a base di piantaggine, possono comparire gli effetti indesiderati più intensificati, riportati al punto successivo. In questo caso, si prega di consultare un medico.

Se si dimentica una dose, non assumere la volta successiva una dose doppia, ma proseguire l’assunzione come di consueto.

Un’interruzione prematura dell’assunzione non costituisce generalmente un problema.

Possibili effetti indesiderati

Interazioni:

  • attualmente non si conoscono potenziali interazioni con altri farmaci.

Come tutti i farmaci, lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino. I possibili effetti indesiderati possono includere:

occasionali (si verificano in meno di 1 paziente su 100 ma in più di uno su 1.000 ):

  • dissenteria

molto rari (si verificano in meno di 1 paziente su 10.000 )

  • reazioni allergiche cutanee

Se uno qualsiasi degli effetti indesiderati peggiora, o se notate la comparsa di un qualsiasi effetto indesiderato non elencato in questo foglietto illustrativo, informate il medico o il farmacista.

Scadenza e conservazione

La data di scadenza è riportata sulla scatola e sull’etichetta del flacone, e vale fino all’ultimo giorno del mese. Non assumere il prodotto se ha superato la data di scadenza indicata.

Dopo l’apertura lo sciroppo contro la tosse a base di piantaggine ha una validità di 3 mesi. Conservare il farmaco ad una temperatura non superiore ai 25°C.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Ulteriori informazioni

Leggere il foglietto illustrativo con cura e conservarlo come riferimento. Il farmaco è disponibile senza ricetta e deve essere assunto come prescritto per ottenere l’effetto terapeutico ottimale.

Se avete bisogno di ulteriori informazioni o consigli, rivolgetevi al farmacista.

Consultare comunque un medico se i sintomi peggiorano!